Oggi | 14 novembre 2019 09:22

Sale il costo del latte, Mukki aumenta i prezzi

L'aumento del costo della materia prima si riflette sui listini di Mukki, come su quelli di tutto il gruppo Centrale del Latte d'Italia: una mossa obbligata, sostiene il gruppo torinese, dopo che i risultati economici al 30 settembre 2019, così come già quelli semestrali, «mostrano un indebolimento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente», sia pur «con un trend migliorativo rispetto alla chiusura dei primi sei mesi del 2019».

I ricavi netti consolidati scendono, anno su anno, da 133,8 milioni di euro a 131 milioni; il margine operativo lordo da 5,4 milioni a 4,5 milioni; il margine operativo netto passa da un utile di 418mila euro a un passivo di 2,9 milioni; peggiora anche il risultato netto consolidato, che da -579mila euro passa a -4,1 milioni, Le motivazioni, per l'azienda, «risiedono principalmente nel drastico aumento del prezzo della materia prima latte - +9,6% il prezzo del latte crudo spot nazionale rispetto allo stesso periodo del 2018 - e al trend decrescente dei consumi di latte fresco da parte delle famiglie italiane».

Alla luce di queste dinamiche Centrale del Latte d'Italia ha messo in atto «azioni mirate al ridimensionamento di alcune voci di spesa, al rafforzamento delle proprie posizioni sul mercato e all'avvio di un nuovo aggiornamento dei listini di vendita nei confronti dei clienti».