Oggi | 7 ottobre 2019 17:58

Gli aeroporti di Firenze e Pisa verso il plastic-free

Negli aeroporti di Firenze e Pisa ogni giorno vengono raccolti 150 kg di plastica e buttati oltre 3.000 litri di acqua potabile imbottigliata: ma i due scali saranno - in futuro - 100% plastic free e all'avanguardia nel recupero delle acque. Questo l'ambizioso progetto presentato oggi da Toscana Aeroporti in una conferenza stampa presso lo scalo di Peretola, alla presenza dei sindaci Dario Nardella e Michele Conti, del presidente di Publiacqua Lorenzo Perra, del presidente di Acque Giuseppe Sardu e del vicepresidente di Toscana Aeroporti Roberto Naldi.

La Fase 1 ("Recupero e Riciclo") del progetto ha preso il via con la risoluzione delle difficoltà di smaltimento delle bottiglie d'acqua dei passeggeri presso i controlli di sicurezza: là Toscana Aeroporti ha installato quattro raccoglitori che consentono lo svuotamento di acqua e di altri liquidi e il conferimento di bottiglie di plastica vuote nei contenitori per la raccolta differenziata. L'acqua raccolta potrà essere riutilizzata all'interno degli aeroporti. Toscana Aeroporti sta inoltre provvedendo a eliminare la plastica monouso dalle sale vip e ha avviato un piano di moral suasion sugli esercizi commerciali affinchè sposino il progetto.

In futuro, secondo quanto annunciato, saranno installati fontanelli di acqua pubblica sia nell'area interna sia nell'area esterna degli aeroporti, distribuite borracce a dipendenti e passeggeri, decretato lo stop totale alla vendita e all'utilizzo di plastica all'interno degli scali.