Oggi | 4 ottobre 2019 17:09

Al Miac le macchine 'sostenibili' per la carta

I produttori di macchinari per la carta tornano a Lucca, dal 9 all'11 ottobre al Polo fiere, per la 26a edizione di Miac, la mostra internazionale dell'industria cartaria promossa dall'associazione di settore Assocarta e patrocinata da Confindustria Toscana nord.

La location è legata alla vocazione territoriale, visto che a Lucca è radicato il distretto leader nella carta per usi igienici e domestici, si produce cartone per imballaggio e si producono - appunto - le tecnologie leader al mondo per il comparto, grazie alla presenza di aziende familiari e di multinazionali (la meccanica cartaria conta 97 stabilimenti, 2.420 addetti e 965 milioni di fatturato 2018, di cui 676 all'export).

Miac vedrà la partecipazione di 270 aziende tra presenze dirette e rappresentanze che presenteranno le novità per gestire le varie fasi della produzione della carta e del cartone e della trasformazione del tissue. L'attenzione sempre maggiore è ai temi della sostenibilità, sui quali il settore è fortemente impegnato: non solo per il riciclo della carta ma anche sul fronte del risparmio energetico, di acqua e di colla.

La rassegna è stata presentata questa mattina, 4 ottobre, a Lucca da Tiziano Pieretti, presidente della sezione Carta e cartotecnica di Confindustria Toscana nord; Massimo Medugno, direttore di Assocarta; Gianmaria Pfeiffer direttore di Edipap, organizzatore della fiera; Marcello Gozzi, direttore di Confindustria Toscana nord.

Fitto è il calendario dei convegni. La rassegna vedrà il debutto del Premio per l'innovazione in cartiera: Miac e Assocarta premieranno le cartiere che nel corso del 2019 hanno introdotto nei processi o nei prodotti elementi di innovazione particolarmente rilevanti.

«L'auspicio è che la manifestazione (diretta agli operatori del settore) possa replicare il successo dell'anno scorso - hanno detto i relatori - quando gli ingressi furono 6.200 con visitatori provenienti da 52 nazioni».