Oggi | 28 settembre 2019 08:44

Ex-Lucchini, a Piombino riparte l'export di rotaie

A Piombino è un giorno importante: Jsw Steel Italy, l'acciaieria ex Lucchini ora in mano al gruppo indiano Jindal, torna ad esportare rotaie made in Italy, cosa che non accadeva da 16 anni. Oggi, sabato 28 settembre, una nave project, la Combi Dock 1 lunga più di 162 metri, caricherà direttamente dalla banchina di pertinenza di Jsw Steel Italy le rotaie lunghe 108 metri e dirette in Portogallo.

In cento anni di storia dell'acciaieria toscana mai una nave di tali dimensioni - utilizzata per grandi trasporti e prodotti molto ingombranti - era arrivata a lambire la costa piombinese. Nelle prossime settimane un altro carico di rotaie in acciaio realizzate a Piombino sarà inviato a Barcellona per realizzare 37 chilometri di metropolitana.

L'operazione segna non solo lo sbarco di Jsw sui mercati portoghese e spagnolo, finora serviti solo dai competitor, ma anche il ritorno a un'attività tradizionale come la fornitura di rotaie, a lungo strategica (la ex Lucchini ha fornito le reti ferroviarie italiane e per l'alta velocità).

«Mettiamo piede in un interessante mercato fino ad oggi controllato esclusivamente dai nostri competitor - afferma Virendar Bubbar, presidente di Jsw Steel Italy - grazie al fatto di realizzare acciai di ottima qualità che ci rendono competitivi a livello internazionale. Stiamo ridando identità all'acciaieria di Piombino che è l'unica in Italia a produrre rotaie, valorizzando così una storia tutta italiana».