Oggi | 9 agosto 2019 09:08

Act si fonde con Unifidi per il super-Artigiancredito

Sarà deliberata il prossimo 3 settembre la fusione per incorporazione di Unifidi Emilia Romagna, consorzio fidi a cui fanno riferimento Confindustria, Cna e Confartigianato in regione, in Artigiancredito Toscano. Le assemblee territoriali dei soci dei due confidi, tenutesi nelle ultime settimane, hanno infatti approvato a larghissima maggioranza il progetto, che fra un mese sarà all'esame delle due concomitanti assemblee straordinarie dei delegati.

La società frutto dell'aggregazione, operativa dall'inizio di novembre, si chiamerà Artigiancredito, mantenendo la specifica di "consorzio fidi della piccola e media impresa", e continuerà ad avere sede a Firenze, dove dovrebbe rimanere la direzione generale. I soci del nuovo confidi, che affiancherà Italia Comfidi (Confesercenti) al vertice in Italia con circa 1,2 miliardi di garanzie in essere, saranno 112.852, di cui oltre 66mila provenienti da Act e oltre 46mila provenienti da Unifidi. Il capitale primario di classe 1 sarà di 103,8 milioni di euro, con un Cet1 del 15,86% e un Total capital ratio del 16,50%: i ratios più solidi di Act (22,69% in entrambi i casi) scendono per effetto della fusione con Unifidi.