Oggi | 6 agosto 2019 16:33

Aeroporti, cresce ancora il traffico in Toscana

Gli aeroporti di Pisa e Firenze nei primi sei mesi del 2019 hanno visto transitare 3,8 milioni di passeggeri, con una crescita dello 0,6% rispetto allo stesso periodo del
2018. E' quanto rivela la semestrale di Toscana Aeroporti, che vede una flessione del traffico passeggeri sul Galilei di Pisa (-1%) mentre il traffico cargo aumenta del 13,5%, e un incremento del 3,7% per il Vespucci di Firenze, malgrado più di 400 fra cancellazioni e dirottamenti senza i quali la crescita sarebbe stata del 6,8%.

In termini di dati economici, i ricavi operativi si attestano a 54,1 milioni di euro, in crescita del 6,8% rispetto al primo semestre 2018, con incrementi sia dei ricavi Aviation (+3,3%) che dei Non Aviation (+10,7%). L'Ebitda è pari a 15,6 milioni di euro (+1,8%). Il risultato netto di periodo del gruppo ammonta a 5,3 milioni di euro, rispetto ai 5,9 milioni di euro del primo semestre 2018; tuttavia, fa notare Toscana Aeroporti, al netto degli eventi straordinari registrati nei primi semestri 2018 e 2019 e del relativo carico fiscale, il dato risulterebbe in crescita del 20,6%.

«Nel primo semestre del 2019 - commenta il presidente Marco Carrai - è continuato il percorso di crescita di Toscana Aeroporti che, a testimonianza della validità del modello di business della Società, registra un traffico passeggeri del Sistema Aeroportuale Toscano ancora in aumento e un incremento dei ricavi sia Aviation che Non Aviation. Tale crescita sarebbe stata ancor più sostanziosa senza gli oltre 400 voli cancellati e dirottati all'aeroporto di Firenze, dato che sottolinea ancora una volta l'inadeguatezza dell'infrastruttura fiorentina».