Oggi | 11 aprile 2019 16:57

La ricerca universitaria diventa a misura d'impresa


La ricerca universitaria si "adatta" ai bisogni delle imprese fiorentine con l'obiettivo di favorire l'innovazione e lo sviluppo. Il passo in avanti è frutto dell'accordo stretto da Confindustria Firenze con l'Università: gli industriali si faranno portavoce dei bisogni (anche formativi) delle imprese, l'Università individuerà gli interventi per valorizzare le competenze scientifiche e didattiche dell'ateneo.

«La formazione – sottolinea Luigi Salvadori, presidente di Confindustria Firenze - rappresenta un asset fondamentale per favorire la crescita di competenze all'interno delle aziende. È fondamentale quindi la collaborazione tra il mondo universitario e quello produttivo, con l'obiettivo di trasformare la conoscenza esistente in innovazioni funzionali alla competitività delle imprese. L'accordo rafforza maggiormente il dialogo tra aziende e Università di Firenze soprattutto nei settori della ricerca e dell'innovazione e rappresenta un percorso fondamentale per recuperare competitività proprio grazie a nuovi modelli di business, elevate competenze e tecnologie innovative».

«Con questo accordo l'Università di Firenze consolida una fondamentale partnership istituzionale in ambiti che fanno parte dei suoi obiettivi strategici e sui quali l'Ateneo si è mosso con grande impegno – aggiunge Luigi Dei, rettore dell'Università di Firenze -. Oggi abbiamo 58 laboratori congiunti con imprese, di cui otto costituiti lo scorso anno, che nascono per rispondere alle esigenze di ricerca e sviluppo del territorio in un'ottica di open innovation. Le ricerche commissionate da soggetti privati e pubblici hanno portato all'Università nel 2018 circa 16 milioni di euro. Per quanto riguarda i tirocini di studenti e neolaureati, sono circa 1200 le aziende toscane registrate nella banca dati stage dell'Ateneo».

Università e Confindustria collaboreranno su «specifici progetti di ricerca condividendo scenari tecnologici e individuando priorità per la ricerca congiunta», anche tramite la creazione di laboratori congiunti università-impresa.