Oggi | 9 aprile 2019 18:50

Grandi vini italiani e francesi all'asta di Pandolfini


Tra i 642 lotti di vini e distillati che domani, 10 aprile, e dopodomani saranno battuti all'asta fiorentina organizzata da Pandolfini a Palazzo Ramirez-Montalvo quelli col prezzo più alto sono bottiglie francesi: al primo posto ci sono due selezioni Domaine de la Romanee Conti del 2015 (8 bottiglie quotate 40-60mila euro) e del 1983 (6 bottiglie quotate 10-20mila euro). I primi lotti italiani per valore sono una selezione verticale di Sassicaia Tenuta San Guido di Bolgheri (46 bottiglie di tutte le annate prodotte, quotata 10-20mila euro) e una verticale di Masseto Toscana Igt (18 bottiglie, 7-14mila euro) .

Nell'asta di primavera il dipartimento Vini pregiati e da collezione della casa d'aste fiorentina (che nell'ultimo anno ha aggiudicato vini per 2,3 milioni di euro) ha messo a punto un catalogo che contiene tutte le più prestigiose etichette italiane e francesi con grande varietà di annate e formati.

Per la Francia spiccano i vini della Borgogna, tra cui una bottiglia magnum del 2005, considerata dagli esperti l'annata del secolo, e 1 magnum del 1990, annata quasi introvabile, di Chambertin Domaine Armand Rousseau (valutate rispettivamente 3.400-6.800 e 4.000-8.000 euro), e una selezione di Corton-Charlemagne del Domaine J-F Coche Dury.

Dalla Borgogna a Bordeaux che si presenta nel catalogo della vendita con le etichette più iconiche: Petrus, Margaux, Lafitte Rotshchild e Yquem. Sul fronte italiano è ricca la selezione del Piemonte e dei Super Tuscan.