Oggi | 11 febbraio 2019 17:20

Zcs cresce e investe sull'intelligenza artificiale

Zcs-Zucchetti Centro Sistemi amplia l'offerta e rafforza le basi per crescere ancora quest'anno, dopo che il 2018 si è chiuso con +20% di fatturato, arrivato vicino a 80 milioni di euro.

La ricerca e sviluppo dell'azienda di Terranuova Bracciolini è ora puntata sui robot dotati di intelligenza artificiale, e in particolare sul tagliaerba Ambrogio che si prepara all'evoluzione. «Siamo nell'era dell'intelligenza artificiale e già quest'anno proporremo soluzioni robotiche innovative e dirompenti che anticiperanno ancora una volta il mercato», afferma Fabrizio Bernini, presidente di Zcs.

La nuova generazione di Ambrogio non avrà bisogno del filo perimetrale (il robot riuscirà ad auto-apprendere le caratteristiche del giardino su cui opera, muoversi e gestire l'erba da tagliare); navigherà senza necessità di studiare prima il pattern o effettuare giri di ricognizione del prato da rasare; sarà connesso al cloud in modo da comunicare l'anomalia in caso di guasto; avrà comandi vocali, per poter comunicare con gli assistenti vocali delle principali piattaforme come Alexa di Amazon o Siri di Apple; avrà un ricarica autonoma induttiva in modo che, concluso il ciclo di lavoro, possa essere guidato verso la ricarica da un faro induttivo.

«La nostra esperienza ventennale nella robotica da giardinaggio ci ha permesso di evolvere la tecnologia portando a una ottimizzazione del taglio dell'erba - spiega Bernini - con più precisione, semplicità e sicurezza. Siamo orgogliosi di essere stati i pionieri di questo settore che ci vede ancora protagonisti e leader nelle proposte di innovazione».