Oggi | 7 febbraio 2019 16:00

La spesa degli italiani parla toscano

La Toscana è al secondo posto in Italia (dietro al Trentino Alto Adige) tra le regioni presenti sulle etichette dei prodotti alimentari made in Italy. Nel carrello della spesa l'italianità si conferma il fenomeno più rilevante e pervasivo per offerta e fatturato.

Dei 67.855 prodotti alimentari analizzati nella quarta edizione dell'Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, ben 17.053 (il 25,1%) riportano in etichetta un richiamo alla loro matrice nazionale e le loro vendite, nell'anno terminante a giugno 2018, hanno superato i 6,4 miliardi di euro (il 22,5% sul sell-out nazionale, in crescita del 3,5%).

La bandiera tricolore e il claim "100% italiano" sono gli elementi previsti sulle confezioni che registrano le migliori performance (rispettivamente 13,9% e 7,7% del fatturato totale). Bene anche le indicazioni geografiche Dop, Doc, Igp e Docg che registrano trend di crescita tra il 5,2% e il 7,2% rispetto ai 12 mesi precedenti.

Dall'analisi della presenza delle regioni italiane sulle etichette, invece, arriva la conferma che il Trentino Alto Adige resta saldo al primo posto (con un giro d'affari di oltre 327 milioni di euro, + 5,8% annuo), seguito dalla Toscana (217 milioni di euro, in crescita del 9,4%) e dalla Sicilia (246 milioni di euro, +4,4%).