Oggi | 11 gennaio 2019 19:16

Un dossier per Centinaio dagli agricoltori toscani

Una folta rappresentanza di agricoltori toscani ha incontrato oggi a Firenze il ministro per le Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, in occasione degli Stati generali promossi dalla Coldiretti regionale. L'associazione ha sottoposto all'attenzione del Ministro un documento con alcuni temi di particolare interesse per il territorio regionale, evidenziando le criticità ed esponendo ipotesi di superamento delle stesse.

Fra gli argomenti affronfati nel documento, l'emergenza rappresentata da ungulati e predatori; il pericolo rappresentato da frodi contro il 'Made in Tuscany'; le difficoltà che affliggono le imprese per la mancata semplificazione burocratica; le aree marginali con fenomeni di abbandono e degrado idrogeologico ed il ruolo del vivaismo; i fenomeni meteorologici estremi.

«Il ministro Centinaio - afferma l'associazione - ha raccolto le sollecitazioni di Coldiretti impegnandosi ad affrontare la questione dei danni di ungulati e predatori, del dossier relativo alle assicurazioni agevolate, garantendo che il Mipaaf farà la sua parte anche per la lotta alle frodi e sofisticazioni nell'olio di oliva esprimendo apprezzamento per l'iniziativa 'Stop cibo anonimo'».

Centinaio ha inoltre auspicato un confronto col governatore toscano Enrico Rossi e l'assessore all'agricoltura Marco Remaschi su possibili nuovi interventi a favore del Monte Serra dopo i danni causati dal fuoco. «Sono convinto che lì ci sia necessità di ripartire - ha spiegato - perché quella era ed è una zona di pregio e quindi non si possono lasciare delle famiglie e delle imprese abbandonate a se stesse».