Oggi | 20 novembre 2018 15:26

Gli artigiani fiorentini sul marketplace di Chl

La tradizione delle botteghe artigiane fiorentine e le nuove frontiere del commercio elettronico: questi i due mondi che si incontrano con l'accordo siglato oggi fra Chl e Confartigianato Firenze a Palazzo Vecchio, grazie a cui gli artigiani aderenti potranno avere una propria vetrina virtuale nel Marketplace della società fiorentina, aprendo le loro storiche attività alla vendita online.

Ogni aspetto della vendita (pagamenti, trasporti, logistica, servizi dedicati, marketing online e offline) viene seguito da Chl, mentre l'artigiano paga solo sul venduto, e ha la possibilità di consegnare il prodotto in tempi più lunghi rispetto alla 'pronta consegna' tipica dell'e-commerce. «Un modello basato sulle esigenze degli artigiani - ha sottolineato Cecilia Del Re, assessore comunale allo Sviluppo economico - perché in alcuni casi la lentezza è un valore: non sempre si può avere ‘tutto e subito' e per le cose belle bisogna saper aspettare».

«Siamo oltremodo onorati di esaltare il nome dell'artigianato fiorentino e di mettere il mostra le bellezze e le eccellenze del nostro territorio», ha dichiarato Andrea Duranti (Chl), mentre Alessandro Sorani (Confartigianato) ha sottolineato come «questa iniziativa parte da due realtà fiorentine interessate alla promozione della qualità del Made in Italy e soprattutto impegnate a valorizzare Firenze».

Le imprese che finora hanno aderito al progetto sono Paolo Penko Bottega Orafa, Cornici Maselli, Scarpelli Mosaici, La Bottega dei Grassi Nesi, Liutaio Cristian Vegni, Maestro Baicchi, Pastificio Romanelli, Passavinti, Banchi Duccio, Ottica Tulini, Bisogni Mario, Brandimarte, Coltelleria Donnini, Palazzi Group, Aiazzi di Paolo Gori, Pelletteria Artigiana Viviani.