Oggi | 13 novembre 2018 13:55

Leader della crescita, Toscana in terza fila

Non c'è neppure un pezzetto di Toscana tra le prime 50 aziende italiane leader della crescita sulla base del fatturato 2014-2017, che guidano la classifica pubblicata oggi dal Sole 24 Ore e realizzata con la società internazionale di statistiche e ricerche di mercato Statista.

Le aziende inserite nella classifica - che si sono autocandidate sulla base di un bando che dettava i requisiti, e sono poi state controllate e vagliate dai ricercatori - in tutto sono 350.

La prima realtà toscana si trova al 64esimo posto ed è la pratese Nwg, venditore di energia elettrica da fonti rinnovabili (passata da 7,3 milioni di fatturato 2014 a 49,5 milioni nel 2017 con un tasso di crescita media annuale nel triennio, Cagr, dell'89%); segue al 67esimo posto Tecnomacchine di San Miniato (Pisa), che si occupa di commercio e noleggio di macchine movimento terra (passata da 448mila euro a 2,8 milioni di fatturato negli ultimi tre anni con un Cagr dell'85,7%); al 99esimo posto si piazza la fiorentina 7Layers, che offre servizi di cybersecurity ed è passata da 1 milione di fatturato 2014 a 5,3 milioni nel 2017 con un Cagr che sfiora il 70%; al 122esimo posto ecco la Laca Trade di Serravalle Pistoiese (Pistoia), attiva nell'import/export di prodotti per la casa e per la persona (da 2,3 a 9,7 milioni di fatturato in tre anni con un Cagr del 60%).

Al 140esimo posto della classifica dei leader della crescita troviamo la prima azienda manifatturiera, la Florenradica di Montespertoli (Firenze), che produce accessori per il settore moda in resina, legni pregiati, osso, utilizzando soprattutto stampanti 3d, e che è passata da 425mila euro di fatturato 2014 a 1,6 milioni nel 2017 con Cagr del 56,1%.

Le altre aziende in classifica sono la Logisan (servizi sanitari) di Tavarnuzze-Firenze al 145esimo posto con un Cagr del 55,4%; Progetto (arredamento) di Monteriggioni-Siena al 146esimo posto con un Cagr del 55,1%; Peragnoli Auto (vendita auto) di Empoli-Firenze al 176esimo con un Cagr del 47,7%; Join Business management consulting (consulenza aziendale) sempre di Monteriggioni al 185esimo posto con un Cagr del 43,3%; Gruppo toscano spedizioni (trasporti e logistica) di Altopascio-Lucca al 186esimo posto con una crescita media annua nel triennio del 43%; la fiorentina Temera (tecnologia Rfid) al 205esimo posto con un Cagr del 38,5%.

Infine, al 235esimo posto troviamo Flexalighting (led) di Pontassieve-Firenze con un Cagr del 32,8%: al 251esimo la fiorentina Arkigest (gestione risorse umane) con una crescita del 28,5%; al 305esimo Lenovys (consulenza aziendale) di Livorno con un Cagr del 18,3%; al posto numero 309 la fiorentina Bs-Business Strategy (consulenza aziendale) con un Cagr del 17,6%; in 328esima posizione Az Filati (tessile) di Vaiano-Prato con un tasso di crescita media annuale nel triennio del 14,4% (da 5,4 a 8 milioni); chiude al 339esimo posto Pec-Progeco Engineering service di Rosignano Marittino-Livorno con un tasso di crescita del 12,5%.

In tutto le aziende toscane in classifica sono 17 (su 350). Nessuna provincia toscana si piazza tra le prime dieci che accolgono i campioni italiani della crescita (sono Milano, Roma, Napoli, Torino, Bergamo, Treviso, Modena, Monza e Brianza, Reggio Emilia e Venezia). Guardando invece alle città "culla" delle aziende in crescita, Firenze si piazza al sesto posto (insieme con Modena e Taranto) dopo Milano, Roma, Napoli, Torino e Palermo, con quattro aziende in classifica che hanno sede nel capoluogo toscano.