Oggi | 7 novembre 2018 11:24

Sgrevi vince lo Store innovation award 2018

Sgrevi vince lo Store innovation award 2018, il concorso che premia l'eccellenza e l'innovazione nella distribuzione edile in Italia. L'azienda aretina fondata nel 1061 è stata individuata tra rivenditori e magazzini di tutta la penisola, andando ad imporsi nella categoria "Concept innovativo" per la contaminazione tra i settori di edilizia, architettura e arredamento proposta nel suo centro espositivo in via Fleming, ad Arezzo.

Giunto alla terza edizione, lo Store innovation award è promosso da il Commercio edile con il patrocinio delle due associazioni di categoria, Federcomated e Sercomated. La Sgrevi, una delle imprese del settore più longeve d'Italia, è stata scelta per la «propensione all'innovazione, la professionalità, la competenza, la capacità nel fornire soluzioni all'avanguardia e la formazione del suo staff, confermandosi come una delle realtà di riferimento dell'intera penisola».

In questo senso, il centro espositivo è stato riconosciuto come un vero e proprio modello per la dettagliata ricostruzione di ambientazioni e scenari che forniscono a costruttori e a privati ciò occorre in termini di materiali e di design per pavimenti, rivestimenti, bagni e tecnologie per migliorare le abitazioni in termini di prestazioni termiche e acustiche.

«Questo premio - commenta Pietro Sgrevi, - è un motivo di grande soddisfazione perché si tratta del massimo riconoscimento nel nostro settore. Negli ultimi anni il comparto edile è stato interessato da una profonda crisi che ha costretto molte aziende alla chiusura, dunque è stato necessario trovare strategie innovative che ci hanno permesso di continuare a crescere. La qualità dei prodotti, i servizi al cliente e la sempre più forte contaminazione tra diversi settori sono le tre caratteristiche del nostro centro espositivo che, con la vittoria di questo premio, è stato riconosciuto come un modello d'eccellenza per tutta Italia».

Leggi anche: Sgrevi presidente della Federazione edilizia aretina (3/3/2016)