Oggi | 6 novembre 2018 09:34

Nannini vara il piano per il rilancio del brand

Un accordo per il rilancio del marchio Nannini, nome storico dell'industria dolciaria senese: l'intesa siglata tra importanti realtà imprenditoriali del settore food (gruppo Sielna, società Ansa & Colt, Villa Ombrellino), e annunciata ieri, prevede 200 assunzioni nei prossimi due anni, di cui almeno 60 entro i mesi di marzo-aprile 2019. Le candidature sono già aperte e le figure ricercate non sono soltanto quelle strettamente legate al settore della ristorazione ma anche laureati in economia e biologia.

Secondo quanto scrive oggi il Corriere di Siena, si tratta di un progetto da 70 milioni di euro, 30 dei quali già investiti, e potrebbe anche coinvolgere Gianna Nannini per una campagna pubblicitaria di lancio; Alessandro Nannini sarà invece responsabile dello sviluppo del marchio. A regime, il gruppo avrà 500 dipendenti, 300 dei quali a Siena, dove sono previste 200 assunzioni e aperture di nuovi punti vendita in Italia e in Europa.

Accanto alla tradizionale produzione Nannini sarà sviluppata un'altra linea di prodotti denominata "Lievito Madre - Selezione Nannini", esclusivamente artigianale. In commercio si troveranno i dolci tipici ma anche pane e pasta fresca prodotti secondo la tradizione senese e toscana, con l'uso di materie prime di filiera corta. La produzione può contare su 107 ettari di terreno agricolo a Monteriggioni, che a partire dal prossimo anno garantiranno la produzione di farro, verna, avena e cereali in genere per soddisfare la domanda interna del gruppo e renderlo autonomo nella produzione di pane, pasta e farine.