Oggi | 12 ottobre 2018 16:09

Tonini (Cna): «Giù le mani da Peretola»

«Concordo con il sindaco Nardella: è opportuno che il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio tenga giù le mani da Firenze», dice Luca Tonini, presidente di Cna Firenze e numero uno nazionale di Cna Turismo e Commercio, intervenendo alla fiera internazionale B2B del turismo di Rimini. «Nel rispetto e nella stima per il Ministro - aggiunge Tonini - bocciare la nuova pista dell'aeroporto di Peretola senza conoscere le esigenze della città è quanto meno ingenuo e di sicuro offensivo per noi fiorentini che la chiediamo da tempo. E per noi fiorentini intendo tutte le categorie economiche, le istituzioni e la stragrande maggioranza dei cittadini: una compattezza e una larga maggioranza che è quasi un unicum nella città dei guelfi e ghibellini. E non ho mancato di manifestarglielo proprio qui a Rimini».

«Non è solo una questione di turismo - dice ancora Tonini - anche se la questione dell'Odissea che i turisti italiani e stranieri devono affrontare per raggiungere, tra aeroporti e trenini, una delle città più visitate in Italia e nel mondo non è certo trascurabile. E non è solamente una questione da industria. Si tratta anche di una questione da piccoli e medi imprenditori, che devono poter viaggiare agevolmente per il mondo per promuovere il made in Italy e stringere contatti utili alla ripresa, e una questione da merci che i piccoli producono, che devono poter essere facilmente esportate: dalla moda all'enogastronomia, passando per la meccanica, tanto per citare alcuni settori che fanno l'export. Si sta veramente sfiorando il ridicolo - conclude il presidente di Cna Firenze -. Portare il nostro know-how e i nostri prodotti all'estero, nonché i clienti e i committenti nelle nostre aziende. Fermare tutto, dopo un lavoro pluridecennale, è da irresponsabili».