Oggi | 8 ottobre 2018 15:55

La Cgil sostiene l'aeroporto di Pisa (non Peretola)

«Occorre puntare ad un ulteriore sviluppo delle sinergie con Pisa, il vero aeroporto di ambito regionale, dando finalmente il via alle opere già programmate relative all'ampliamento dello scalo, riconsegnando a Peretola il ruolo di city airport». E' questa la posizione della Cgil Toscana, che esprime un giudizio «non positivo» sul progetto di potenziamento dell'aeroporto di Firenze.

Secondo Maurizio Brotini (nella foto, segreteria Cgil Toscana, delega alle infrastrutture) e Damiano Marrano (dipartimento infrastrutture Cgil Toscana) il progetto «apre moltissime criticità: dall'interruzione del collegamento diretto tra Sesto e l'Osmannoro, al pregiudizio sullo sviluppo del Polo Scientifico, alla messa in discussione del Parco della Piana così come previsto dagli strumenti urbanistici della Regione e del Comune di Sesto, al mantenimento della vocazione produttiva manifatturiera dell'Osmannoro».

Il sindacato chiede dunque di potenziare i collegamenti ferroviari, anche «con il futuro hub dell'Alta Velocità», per cui «liberare fisicamente i binari della stazione fiorentina di Santa Maria Novella dall'Alta Velocità per destinarli esclusivamente per il trasporto pendolari è una scelta non più procrastinabile, assieme al potenziamento del numero e degli orari lungo la direttrice tirrenica».