Oggi | 19 settembre 2018 19:43

Bf, pronto il centro direzionale a Cortona

Decolla il fatturato di Bonifiche ferraresi - il più grande gruppo agricolo italiano e l'unico quotato, con forti interessi anche in Toscana dove sta investendo più di 30 milioni in Valdichiana - grazie soprattutto all'acquisizione della Società italiana sementi.

Nel primo semestre dell'anno il valore della produzione è stato pari a 35 milioni, in crescita del 146% rispetto ai 14,2 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. L'ebitda si attesta a 1,7 milioni, in linea con il 2017, l'ebit è negativo per 900mila euro (rispetto a 1,4 milioni del 2017) a causa dell'aumento degli ammortamenti passati da 1,3 milioni del primo semestre 2017 a 2,6 milioni del 2018. Il risultato netto è negativo per 1,5 milioni (contro i -19mila euro del 2017).

Il bilancio consolidato dei primi sei mesi è stato approvato oggi dal consiglio di amministrazione del gruppo. La relazione finanziaria spiega che la crescita dei ricavi «è da imputare all'ingresso di Sis nel perimetro di consolidamento (14,8 milioni nel primo semestre 2018), all'avvio dell'attività industriale di trasformazione e
vendita di prodotto confezionato (5 milioni) e allo sviluppo ed entrata a regime dell'attività zootecnica (6,4 milioni, +40% rispetto allo stesso periodo del 2017)».

Bonifiche ferraresi inaugurerà venerdì prossimo, 21 settembre, un nuovo centro direzione e produttivo di 1.500 metri quadrati in Toscana, lungo la strada statale Siena-Bettolle, vicino all'abitato di Fratta Santa Caterina nel comune di Cortona con uffici, aree meeting e un innovativo laboratorio di ricerca e lavorazione dedicato alle piante officinali.

La sede di Cortona diviene dunque centrale per tutta la filiera delle erbe officinali coltivate sia in Valdichiana che nelle altre sedi di Bf Italia a Jolanda di Savoia (Fe) e in Sardegna (Or).