Oggi | 3 agosto 2018 12:59

Negozi e albergo nella centrale Enel di Torre del Sale

Un centro commerciale, ma anche un albergo e un centro ricerche sull'agricoltura sperimentale: così rinascerà la centrale Enel di Torre del Sale, a Piombino, grazie al progetto della società Stigliano Sviluppo che ha vinto la gara e ha appena firmato il contratto preliminare con Enel.

Ci vorrà ancora del tempo, ma il percorso è delineato: Enel si accollerà le attività di bonifica dell'area di 40 ettari (utilizzando tecnologie innovative nelle zone in cui sono presenti idrocarburi), mentre Stigliano Sviluppo si occuperà della demolizione e delle nuove realizzazioni. «I lavori verranno organizzati in modo da garantire, per quanto possibile, i cantieri in parallelo, riducendo così i tempi necessari per la rinascita del sito», promettono Regione Toscana, Comune di Piombino e Enel.

L'obiettivo dichiarato è trasformare la dismissione di un'area industriale in una opportunità multifunzionale per il territorio: negozi, albergo, ristorante e funzioni di ricerca scientifica, in modo che la riqualificazione dell'ex centrale si sviluppi, garantiscono gli attori, «secondo linee guida di sostenibilità sociale, economica e ambientale».

Stigliano Sviluppo si sta confrontando con Regione e Comune sugli aspetti urbanistici (servira una variante al piano strutturale comunale), per avviare la richiesta di autorizzazioni dei lavori. Rispetto alla prima proposta presentata nel 2015, dominata da un centro commerciale di grandi marchi , il progetto è stato integrato con le altre funzioni. Gli investimenti previsti sono «rilevanti», si limitano a dire Regione, Comune e Enel.