Oggi | 5 luglio 2018 11:52

«Per Banca Cambiano crescita misurata nel 2018»

Numeri in crescita per quanto riguarda l'attività bancaria, e quindi soddisfacenti tenuto conto del contesto di riferimento: questa la situazione di Banca Cambiano 1884 nei primi sei mesi del 2018 secondo il direttore generale Francesco Bosio, che non si sbilancia rivelando cifre ma parla di «una crescita misurata e ponderata».

Per Bosio infatti «è tutto da leggere in correlazione all'andamento complessivo dell'economia, in modo particolare per banche come noi che sostengono le realtà economiche, i privati, le famiglie delle zone in cui operano», perché «la banca cresce se cresce il territorio in cui opera», e la Toscana centrale sta performando meglio della media regionale. L'attitudine rimane orientata verso l'economia reale: «Siamo attenti a non accollarci rischi, e a non fare un mestiere che non è il nostro», sostiene il direttore generale.

Occasione per fare il punto della situazione è stata la presentazione de "La Cavalleria Rusticana" di Pietro Mascagni e "Da Balla a Dalla" di Dario Ballantini, che si svolgeranno a Cerreto Guidi rispettivamente il 6 luglio e il 14 luglio, eventi che si collocano nel calendario del "Festival Internazionale di Musica" della cittadina, anticipazione del Progetto Leonardo 2019, e che sono sponsorizzati dall'istituto e da Cabel Holding. «Noi da centotrentaquattro anni siamo banca nel territorio - hanno affermato Bosio e il presidente Paolo Regini - e, pur avendo nuove filiali a Bologna, Torino, Roma ci teniamo a tenere vivo il fil rouge delle attività culturali, turistiche e solidali nelle nostre aree».