Banca Etruria, azione di Federconsumatori per 1.150 | Toscana24
Oggi | 12 giugno 2018 15:17

Banca Etruria, azione di Federconsumatori per 1.150

Federconsumatori ha raccolto 1.150 adesioni di titolari di dossier (obbligazioni e/o azioni) della vecchia Banca Etruria, dopo 25 assemblee sul territorio, per l'iniziativa di accertamento tecnico preventivo ideata dall'associazione allo scopo di ottenere ulteriori rimborsi per i risparmiatori. Essendoci anche dossier cointestati, sono circa 1.800 le persone coinvolte, di cui 730 aretine, 260 empolesi/fiorentine, 100 senesi, 70 grossetane, per un valore complessivo del danno subito di circa 50 milioni di euro.

Entro pochi giorni lo studio legale Galgano, per conto di Federconsumatori Toscana, procederà al deposito del ricorso, con perizia predisposta dal professor Luca Bagnoli, per l'Accertamento tecnico preventivo presso il Tribunale delle imprese di Milano. L'associazione ha inoltre deciso di estendere la richiesta di accertamento tecnico preventivo anche verso Ubi Banca, subentrata nelle obbligazioni in essere.

Il giudice competente, sulla base della perizia del consulente chiamato ad accertare le responsabilità della società di revisione PriceWaterhouseCoopers (la società che dal 2010 ha certificato i bilanci di Banca Etruria commettendo, secondo l'associazione, «gravi responsabilità, negligenze e omissioni»), potrà invitare le parti alla conciliazione. Se alla fine non sarà trovata una mediazione, secondo Federconsumatori, la perizia potrà essere utilizzata come base per un successivo contenzioso legale.