Oggi | 27 aprile 2018 16:48

Da Fondazione Cr Firenze 35 milioni al territorio


Il comitato d'indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze ha approvato il bilancio consuntivo 2017. Il patrimonio è salito a 1,66 miliardi di euro (+2%) e l'utile è stato di 81,8 milioni di euro (+48%). Inoltre l'organo istituzionale della Fondazione ha dato il via libera a un plafond di 35 milioni per le erogazioni di quest'anno, cinque milioni in più rispetto ai 30 che erano stati previsti dal documento previsionale annuale 2018 e tre milioni in più rispetto alle disponibilità dello scorso anno.

Una decisione che «tiene conto degli esiti di bilancio e che accoglie la proposta del consiglio di amministrazione - dice il presidente Umberto Tombari - di incrementare il supporto al territorio ogni volta in cui i risultati lo consentano nella consapevolezza delle molteplici esigenze ed istanze che trovano un punto di riferimento nella nostra istituzione».

L'esercizio 2017 si è chiuso con un utile di circa 81,8 milioni di euro (nel 2016 era di 55 milioni) e un patrimonio netto pari a circa 1,66 miliardi di euro (1,63 miliardi di euro nel 2016) con un totale dell'attivo di 1,88 miliardi di euro (1,84 miliardi di euro nel 2016). A fine 2017, il fondo stabilizzazione delle erogazioni ha raggiunto i 77,7 milioni di euro (erano 63,4 milioni a fine 2016).

Il comitato d'indirizzo ha inoltre formalizzato l'ingresso tra i propri componenti di Oliva Scaramuzzi, designata dall'Accademia dei Georgofili, e di Niccolò Pandolfini, designato dall'assemblea dei soci della Fondazione lo scorso 20 aprile.