Oggi | 2 ottobre 2017 10:26

BioDue, ricavi in aumento nel semestre (+3,3%)

Cresce il fatturato e frena la redditività per BioDue, l'azienda farmaceutica di Tavarnelle Val di Pesa (Firenze) che ha approvato la semestrale 2017: i ricavi delle vendite e delle prestazioni, nel primo semestre dell'anno, si sono attestati a 18,4 milioni, +3,3% rispetto all'anno precedente. L'Ebitda del periodo, in flessione del 13%, si attesta a quota 2,4 milioni ed è pari al 14,6% del valore della produzione. La flessione dell'Ebitda, spiega l'azienda, «dipende sia dal lato ricavi, dal ritardo negli approvvigionamenti da parte dei grossisti, che dal lato costi, per l'addebito a conto economico dei costi indiretti relativi agli investimenti strumentali ed impiantistici effettuati nel semestre».

L'utile netto è di 1,2 milioni (-20%, pari al 6,6% dei ricavi). L'indebitamento finanziario netto è di 7 milioni, rispetto ai 4,6 milioni al 31 dicembre 2016.

In particolare la divisione industriale ha conseguito ricavi per 10,5 milioni di euro (+0,2%); in crescita del 23,2% i ricavi della divisione Selerbe (2,7 milioni), così come crescono del 5,1% i ricavi di Biofta.

Il primo semestre 2017 si caratterizza, spiega il presidente di BioDue Vanni Benedetti, «ci ha visti impegnati da un lato a proseguire e mettere a regime gli investimenti produttivi fatti nel corso dell'esercizio precedente e, dall'altro, a dare avvio operativo alla joint venture commerciale in Usa ». L'azienda ha debuttato nel 2015 sul mercato Aim di Borsa Italiana.

Leggi anche: BioDue avvia una joint venture in America (13/1/2017)