Oggi | 26 maggio 2017 08:48

Nasce l'App che misura la felicità dei dipendenti

A Montevarchi (Arezzo) la business intelligence incontra il welfare aziendale: lo studio Gefar ha realizzato la prima App che monitora lo stato di felicità e soddisfazione dei dipendenti di un'azienda, fornendo un feedback anonimo e in tempo reale al datore di lavoro.

Si tratta della GefarApp, con cui la società si è aggiudicato il contest "Professionista digitale 2016/2017" promosso dall'Osservatorio del Politecnico di Milano School of Manager per sostenere la cultura dell'innovazione digitale all'interno degli studi professionali.

Il progetto dello studio valdarnese, attivo nel ramo della consulenza del lavoro, si chiama "Workforce & Satisfaction" ed è stato realizzato per affiancare alle tradizionali informazioni sui dipendenti (come buste paga, ferie, permessi e Tfr maturato) anche lo stato emotivo di soddisfazione e di felicità al lavoro del personale.

Via tablet o smartphone il dipendente può esprimere mensilmente il proprio parere attraverso un sistema a punteggi, su quattro argomenti inerenti il grado di soddisfazione lavorativo e la predisposizione alla carriera. I dati, raggruppati per settore, qualifica, livello contrattuale, sesso, età e anzianità lavorativa, vengono poi rappresentati graficamente e l'indice ottenuto - se negativo - diventa un alert per il responsabile delle risorse umane, che viene messo in condizioni di intervenire per riportare l'equilibrio.

Sviluppata a fine 2016 e implementata da poche settimane, l'idea è stata sottoposta prima al vaglio di avvocati giuslavoristi e alle rappresentanze sindacali, poi - dopo aver ottenuto il loro nulla osta - presentata alle aziende, soprattutto nel ramo alberghiero e ristorativo: la prima ad aver aderito è il gruppo Eleva, che gestisce hotel come il San Gallo Palace a Firenze o l'Heltevia Thermal Spa a Porretta Terme (Bo), insieme a ristoranti come il Tosca o la Buonerìa a Firenze.

In seno alle politiche di welfare aziendale, il gestionale fornisce una nuova prospettiva nel rapporto tra datore di lavoro e dipendenti, fondata su una maggiore attenzione nei loro confronti. «Secondo ricerche condotte da società di analisi statunitensi - spiega il project manager Gianmarco Guerrini - monitorare il benessere dei dipendenti, dando il giusto peso alla componente umana, porta statisticamente livelli di produttività superiori alla media».