Oggi | 28 gennaio 2016 16:23

Al via 7 nuovi spin off dell'Università di Firenze

Dalla diagnosi di contaminazioni negli alimenti alla prevenzione del bullismo, dalla sicurezza geologica allo sviluppo di energia da biomasse, dall'ideazione di videogiochi per la sezione del personale al recupero in 3d del patrimonio culturale e paesaggistico, fino a un sistema di allerta valanghe basato sull'acustica infrasonica.

Sono le possibilità offerte dai sette spin off dell'Università di Firenze approvati nel secondo semestre 2015 e presentati ufficialmente questa mattina al Campus design di Calenzano (Firenze) nel corso di un incontro dal titolo "Il design delle idee". L'area più gettonata è quella scientifica (Ecolgene, Item, Geoapp), seguita dall'area tecnologica (iBionet e Sisma) e da quella umanistica e della formazione (Laborplay ed Ebico).

La presentazione è stata organizzata dal Centro di servizi di ateneo per la valorizzazione della ricerca. I progetti sono stati valutati da una commissione che ha premiato Ecodream per l'idea imprenditoriale, incentrata sulla produzione di borse e accessori tramite utilizzo di materiale di recupero con particolare attenzione al design dell'oggetto.