Oggi | 30 agosto 2015 06:30

In vendita la casa di Beatrice a Firenze

La casa della musa dantesca Beatrice, a Firenze, è stata messa in vendita. L'Immobiliare Sansedoni, controllata dalla Fondazione Mps e partecipata anche da Banca Mps, ha incaricato l'advisor Jll di trovare un acquirente per Palazzo Portinari Salviati, in via del Corso, dove c'è un'agenzia del gruppo bancario senese e dove ha avuto sede fino al 2007 la Banca Toscana (poi incorporata in Mps).

Qui Beatrice nacque a abitò con la famiglia, nel XIII secolo, poi l'edificio passò ai Salviati e vi abitarono Giovanni dalle Bande Nere (che sposò una Salviati) e il figlio Cosimo, che diventò il primo Granduca di Toscana. La notizia è ripresa oggi dal supplemento culturale del Sole 24 Ore, che ricorda come la storia d'amore tra Dante Alighieri e Beatrice Portinari nacque proprio lungo l'attuale via del Corso di Firenze. Era qui che abitava la ricca famiglia di Beatrice, proprietaria del palazzo. Il padre, Folco Portinari, era direttore di una filiale di credito legata al banco dei Medici.

Anche l'advisor Jll vanta una storia secolare iniziata nel 1783 da Richard Winstanley, che aprì un'attività come banditore d'aste a Londra. Specializzato in servizi immobiliari e gestione di capitali con uno staff che comprende 48mila professionisti in oltre mille città e 75 Paesi, avrà il compito di individuare un acquirente pronto ad investire non solo nei quasi 13mila metri quadrati dell'immobile, ma anche nella storia che Palazzo Portinari Salviati rappresenta.

Attualmente l'edificio è oggetto di un progetto di restauro e recupero, che prevede il cambio di destinazione a fini abitativi dei piani superiori con la realizzazione di 44 alloggi, il mantenimento della destinazione direzionale in parte del piano terra e la realizzazione di due esercizi di vicinato in corrispondenza del piano terra.